Coach Barbuto a yerukala dopo l'addio a Salerno: "Scelta necessaria, cambiati gli obiettivi della società"

Realtà importante del campionato di Serie D  che meriterebbe in realtà un palcoscenico maggiore per l’ottimo lavoro svolto sul campo e fuori negli ultimi anni, la Pallacanestro Salerno è stata oggetto di un sorprendente cambio di panchina nell’ultima settimana viste le inaspettate dimissioni di coach Antonio Barbuto che ha lasciato la guida della squadra nonostante il terzo posto in classifica e le ambizioni di promozione in Serie C ancora più che vive. Abbiamo raggiunto per questo motivo coach Barbuto per analizzare i motivi di questa sua decisione.

Coach l’avventura con Salerno non è finita nel migliore dei modi, cosa è accaduto?

“Purtroppo domenica sera ho scelto di dimettermi per due diversi motivi, da un lato mi sono reso conto che gli obiettivi della società sono cambiati dopo che una volta costretti a cedere i nostri due americani non li abbiamo rimpiazzati in maniera adeguata, l’arrivo del solo Gonzalez non bastava a mio parere a perseguire quelli che erano gli obiettivi stagionali ma la società non ha ritenuto opportuno aggiungere nuovi innesti. Dall’altro lato poi mi sono reso conto che la squadra stessa non rispondeva più in maniera adeguata quindi per il bene della Pallacanestro Salerno è giusto che qualcun’altro al posto mio provi ad ottenere risultati ancor più soddisfacenti.”

Qual è quindi il suo bilancio generale della sua avventura a Salerno?

“Non penso possa essere fatto alcun tipo di bilancio perché il mio rapporto con questa squadra va ben oltre il campo, Salerno per me è una seconda casa, sono molto legato sia alla città che alla società quindi tracciare bilanci finali sarebbe per me impossibile, il mio mettermi da parte è semplicemente dovuto ad un momento particolare in cui le nostre strade ed i nostri obiettivi sono differenti ma il legame che ho con l’ambiente non cambia assolutamente”

E’ pronto ora a ripartire da una nuova realtà, si guarderà attorno in cerca di nuove proposte o continuerà a collaborare con Salerno?

“Sicuramente ho voglia di continuare a collaborare con Salerno non per forza sotto le vesti di coach  perché come ho già detto sono molto legato all’ambiente, il mio futuro da coach è ancora da decidere, siamo in una fase di stagione importante e decisiva per cui difficile sarà trovare offerte ora, sicuramente mi guarderò attorno e se dovesse arrivare la proposta giusta se ne riparlerà”

Lascia la squadra in una posizione comunque ottima di classifica, che augurio sente di fare ai suoi ragazzi?

“Ovviamente di vincerle tutte e di vincere il campionato, se accadesse ciò vorrebbe dire che la strada intrapresa è quella giusta, nonostante quanto accaduto desidero solo il meglio per una piazza come Salerno che merita a prescindere la Serie C,  la squadra è buona ed ha tutte le carte in regola per essere promossa, spero che chi ci sia dopo di me riesca a tirare fuori ancor di più le enormi potenzialità di questi ragazzi.”

Commenta
(Visited 348 times, 1 visits today)

About The Author

читать дальше

www.steroid-pharm.com