Action Now! Monopoli, l'esordio in A di Alessandro Miccoli

Ci sono favole belle, che vale la pena raccontare, soprattutto in tempi difficili come quelli che viviamo. Tempi in cui talvolta anche la motivazione personale dei ragazzi che fanno Sport talvolta subisce l’insulto e le aggressioni di una vita sociale sempre più complessa ed indecifrabile, compressa com’è tra la frenesia della vita quotidiana e le aspettative troppo elevate da parte dei giovani atleti e (troppo spesso…) dei loro genitori.

Alessandro Miccoli è un “Millennial”, un ragazzo nato nel 2000 che gioca a basket già da qualche anno. Dopo aver partecipato ai Corsi di Minibasket organizzati dall’ASD I DELFINI, Alessandro è passato nelle fila dell’ASD ACTION NOW! MONOPOLI, dove ha iniziato a disputare i campionati giovanili, partendo dall’Under 13. Grazie al suo ottimo carattere ed alla disponibilità al lavoro in palestra, qualità sempre indispensabili, ha subito messo a frutto il fisico da corazziere, risultando immediatamente uno dei cestisti più promettenti della sua classe di età a livello regionale. La società ed i suoi allenatori, intuendone il potenziale, gli hanno proposto negli ultimi 2 anni un programma di preparazione fisica (a cura di Sabino Calabretto di Armour 23) e tecnica molto intenso e personalizzato, che lo ha messo a dura prova. Alessandro ne è uscito fortificato nel corpo e nello spirito, dimostrando solidità morale fuori dal comune e giocando con disinvoltura in categorie in cui ha affrontato atleti senior (Serie C) o comunque molto più grandi di lui (Under 20, lui che ha compiuto 17 anni solo a gennaio).

Domenica scorsa, quando intorno alle 13 è arrivata la telefonata che gli comunicava in extremis la convocazione con la Serie A, Alessandro si è fatto trovare puntuale all’appuntamento con la Storia del basket monopolitano. Dallo scorso 1° marzo infatti, chiamato da coach Antonio Cristofaro a giocare con la prestigiosissima maglia dell’Enel Brindisi la Fase Nazionale del campionato Under 18 Eccellenza insieme a Jacky Barnaba, Alessandro sapeva di essere entrato nel gruppo di giovani atleti che potevano essere chiamati ad integrare la prima squadra di Serie A dell’Enel, venendo convocati per le gare ufficiali del massimo campionato italiano. La sorte ha voluto che questa possibilità si aprisse per lui proprio domenica 30 aprile 2017, quando a Brindisi era ospite la squadra dell’Orlandina Basket, nella quale milita Tommaso Laquintana, il cestista monopolitano nato nel 1995 che è un giocatore già affermato, uno dei giovani talenti in assoluto più promettenti del basket italiano. Si è così concretizzata una circostanza a dir poco suggestiva: in una partita della Serie A italiana erano contemporaneamente in campo ben 2 ragazzi monopolitani, entrambi formatisi sul parquet della Palestra Melvin Jones vestendo la maglia dell’Action Now! Monopoli.

Un evento straordinario (e si spera non irripetibile…), che nobilita la pallacanestro della nostra Città e potrebbe dare nuovo slancio al reclutamento di giovanissimi atleti, per i quali la pallacanestro rappresenta da sempre una delle attrazioni sportive maggiori. Disciplina dinamica e dall’alto valore educativo, il basket è sport di squadra completo, che può essere praticato già da 5 anni nella versione Minibasket, un Gioco – Sport perfetto per l’apprendimento degli schemi motori di base e per promuovere la socializzazione.

Ecco come Alessandro Miccoli, che ha ricevuto l’abbraccio ideale di tutta la Monopoli sportiva oltre che della sua società di appartenenza, ha risposto con la consueta semplicità e modestia ad alcune domande.

Alessandro, domenica hai esordito in Serie A con la maglia del Brindisi. Te l’aspettavi?

Ho sempre sognato di esordire in serie A, ma certo farlo adesso è andato oltre ogni più rosea mia immaginazione.

Ci racconti le emozioni che hai provato?

Sono emozioni difficili da spiegare a parole. Sicuramente ho provato una grandissima gioia, stare accanto a giocatori di quel livello e ad uno staff di così grandi professionisti è stata un’esperienza indimenticabile.

Tra tutte le cose che hai vissuto in quelle 2 ore, quale pensi che ricorderai più a lungo?

Il ricordo più grande sarà quello di essere stato in campo in un palazzetto gremito di tifosi che coltivano una passione enorme per il basket. Resteranno nella mia memoria anche le poche parole ma determinate di coach Sacchetti nella riunione prepartita ed il brivido nell’indossare la maglia di una società di serie A.

A chi dedichi questo momento di grande felicità e soddisfazione?

Alla mia famiglia e a tutte le persone che hanno creduto e credono in me.

Cosa ti aspetti dalla tua carriera cestistica?

Sicuramente da parte mia ci sarà sempre impegno e duro lavoro per migliorare sempre di più. Nessuno può sapere quello che ci riserverà il futuro, io cercherò di essere sempre pronto ad affrontare quello che verrà.

Hai dei ringraziamenti da fare per l’opportunità che hai avuto?

Sicuramente innanzitutto devo ringraziare la Scuola Basket Monopoli, perché le Associazioni I Delfini ed Action Now! hanno lavorato per tanti anni con pazienza per darmi le migliori opportunità di formazione, insieme ai loro bravi allenatori, che mi hanno sostenuto in questi anni. Un grazie sincero lo devo naturalmente all’Enel Brindisi per l’opportunità che mi ha generosamente concesso, insieme al mio coach dell’Under 18 Eccellenza Antonio Cristofaro.

Per il sogno diventato realtà di Alessandro Miccoli, tanti altri continueranno ad essere coltivati grazie allo Sport, il vero e più potente antidoto contro le devianze giovanili attualmente disponibile. Con l’auspicio che chi governa non lo dimentichi mai, lavorando ogni giorno e seriamente per creare le condizioni più favorevoli alla sua pratica, quale che sia la disciplina.

Comunicato a cura di UFFICIO STAMPA SCUOLA BASKET ACTION NOW!

Commenta
(Visited 72 times, 1 visits today)

About The Author

полимерные полы цена

купить диплом дешево

стоматологические клиники киев