ASD LUISS, Beretta: "Non sarà una partita facile, vogliamo la vittoria anche in trasferta"

Quarta trasferta, terzo ed ultimo viaggio in Sicilia per l’ASD LUISS che domenica 20 novembre alle 18 sarà ospite di Sport è Cultura Patti per l’8° turno del campionato nazionale di serie B.

Un’altra gara particolarmente impegnativa per i ragazzi di Coach Paccariè che si troveranno di fronte una squadra reduce da due sconfitte consecutive e che in casa non esulta dal 9 ottobre, giorno in cui è andata in scena la seconda giornata della regular season che vide i siciliani imporsi 75-67 su Catanzaro. Successivamente, il team di Sidoti è caduto due volte tra le mura amiche e due volte lontano dalla Sicilia, con l’ultimo successo arrivato tre settimane fa in casa di Viterbo (58-70). Patti occupa quindi il 12° posto in classifica a quota 4 punti, in coabitazione con Cefalù, Stella Azzurra Roma e Catanzaro, e a solo due di distanza dalla zona playoff.

Per gli universitari quella di domenica si prospetta dunque l’ennesima sfida in cui saranno fondamentali l’approccio mentale e la determinazione per espugnare un campo sempre caloroso nei confronti dei propri beniamini e tornare così a Roma con i 2 punti in palio. Faragalli e compagni arrivano a questa gara da primi in classifica (a pari punti con Napoli, Palestrina e Valmontone) dopo le 6 vittorie ottenute nelle prime 7 giornate, con gli ultimi due impegni casalinghi consecutivi che li hanno visti imporsi piuttosto nettamente su Scauri (78-62) e Viterbo (74-51), confermando così di essere il secondo miglior attacco del campionato grazie agli 81.9 punti realizzati di media (alle spalle di Napoli che viaggia con 86.4), di essere la squadra che subisce più falli (21.6 a partita) e che crea molte azioni corali che fruttano ben 20 assist a partita.

Alla vigilia della sfida in provincia di Messina a parlare è Eugenio Beretta, pivot biancoblu che in questa stagione ha già realizzato tre doppie-doppie e che con il suo compagno di reparto Ramenghi (che oggi compie 24 anni, nda) occupa il primo posto nella speciale classifica delle stoppate: “Per fortuna quella di domani sarà l’ultima delle trasferte lunghe e speriamo di ritrovare la vittoria anche lontano dal PalaLUISS. Arriviamo da un buon momento, ma sappiamo che non sarà una partita facile, sia per motivi logistici, sia perché ogni squadra in casa ci tiene a fare performance di livello superiore, e per questo la classifica non ci deve ingannare, anzi dobbiamo essere consapevoli che sarà una sfida ad armi pari. Patti – continua il numero 15 luissino – è una squadra neopromossa che può contare su un quintetto talentuoso e forte, nelle ultime settimane ha accorciato le rotazioni e questo è un aspetto su cui possiamo lavorare, ad ogni modo sappiamo che arriveranno motivati dopo un periodo non molto positivo per loro, e il fatto che giocheranno in casa li invoglierà a fare sicuramente il massimo.”

“Per quanto ci riguarda – prosegue Eugenio – questa settimana malgrado un po’ di infortuni che non ci hanno mai permesso di allenarci al completo, abbiamo lavorato bene e sono positivo per la gara di domani. Questo è il secondo anno che sono in LUISS e il clima che si respira, sia nei momenti più difficili come lo è stato per esempio l’inizio della scorsa stagione che in quelli in cui le cose vanno bene, è sempre estremamente positivo, perché sia noi che il Coach tentiamo di non metterci pressione per il campionato che stiamo facendo, pensando semplicemente all’avversario di turno e guardando poco la classifica. Indubbiamente sapere di essere primi è gratificante e dà ulteriori motivazioni, ma penso che nessuno di noi senta il peso della posizione, quindi nessuno soffre di ansia da prestazione”.

Tra poche settimane inizieranno anche gli esami di profitto, che vedranno impegnati duramente tutti i ragazzi di Paccariè, pronti ad affrontare un periodo di grande dispendio di energie fisiche e mentali sia in campo che sui libri universitari: “Poter coniugare gli impegni è una cosa fattibile, chi è qui da qualche anno lo ha capito tranquillamente, anche se eravamo tutti piuttosto abituati anche per le nostre esperienze liceali che andavano di pari passo con le stagioni a livello giovanile. Più che altro – conclude Beretta – credo che essere fuorisede in una città come Roma, che offre tantissime distrazioni, fa sì che se il tuo obiettivo è quello di studiare e giocare facendo entrambe le cose nel migliore dei modi, non puoi permetterti di sprecare il tuo tempo, che va quindi impiegato in maniera corretta, quindi se riesci a capire questo, puoi affrontare senza troppi affanni lo studio e contestualmente un campionato così duro.”

Il match tra Sport è Cultura Patti e ASD LUISS Roma si giocherà domani alle 18 al Palasport di Patti (ME), dove ad arbitrare sono chiamati il Signor Dario Lombardo di Trapani ed Elena Colazzo di Milano.

Commenta
(Visited 37 times, 1 visits today)

About The Author

contact us

www.ukrterminal.kiev.ua