Basket Bellizzi - Virtus Basket Pozzuoli : la sala stampa

Al termine di gara-2 tra Basket Bellizzi e Virtus Pozzuoli – conclusa con la vittoria della compagine ospite che accede così alla finale playoff – abbiamo raccolto le dichiarazioni dei due capo-allenatori 


Mauro Serpico (Coach Virtus Pozzuoli) :

«Era una partita estremamente complessa, ancor di più rispetto a gara-1 andata in scena sabato. In quell’occasione siamo stati bravi perché siamo scesi in campo determinati e volenterosi di chiuderla subito davanti al nostro pubblico. Stasera sapevamo che loro ci avrebbero creato difficoltà perché – dal punto di vista dei nostri avversari – era una partita da dentro fuori nella quale non era contemplato sbagliare ancora. Siamo stati molto lucidi e a fine partita ho fatto i complimenti alla squadra perché nel momento più difficile, quando si sono riportati a -4, non ci siamo disuniti e, dopo il timeout, abbiamo chiuso la partita con un break importante»

– Sulla difesa di Pozzuoli come chiave della serie:

«Bellizzi offensivamente è una squadra di primissimo livello che porta mediamente cinque uomini in doppia cifra; abbiamo concesso loro 48 punti in gara-1 e 61 questa sera il che credo sia davvero tanta roba. So di essere ossessivo con i miei ragazzi ma per me la difesa è fondamentale. Le partite si vincono in difesa, non è un vecchio adagio ma la pura verità e in questa serie più che mai lo abbiamo dimostrato. In alcuni frangenti, questa sera, abbiamo sbagliato qualcosa ma il risultato è più che soddisfacente perché subire appena 61 punti qui al “PalaBerlinguer” è davvero notevole»

– Sulla solidità psicologica della squadra:

«Dal punto di vista psicologico, come dicevo, siamo stati molto bravi questa sera. Avere giocatori esperti come Innocente, Simeoli, Orefice e Loncarevic dalla panchina è molto importante. Sul loro break di 9-0 siamo rimasti uniti ed abbiamo reagito da squadra, facendo quelle cose piccole ma determinanti per tenere il controllo del ritmo della gara. E’ il segnale di un gruppo che va nella stessa direzione, ben amalgamato e che non vuole saperne di mollare mai»

–  Su quello che verrà…

«Innanzitutto, abbiamo migliorato il risultato dello scorso anno quando eravamo stati eliminati proprio in semifinale e questo è sicuramente un risultato importante. Siamo arrivati in finale e questo gruppo si merita di essere qui. Mi piacerebbe giocare direttamente gli spareggi ma è impossibile quindi non ci resta che aspettare il nostro prossimo avversario. Tanto Angri quanto Maddaloni sono due compagini di primissimo livello, lo dico dalla prima giornata. Hanno giocatori forti tecnicamente ed esperti. Noi ci giocheremo la serie a viso aperto, abbiamo la fortuna di avere la “bella” in casa però – al di là di questo – affrontiamo ogni partita con la massima determinazione e voglia di vincere. Poi vedremo chi la spunterà»


Pierluigi Orlando (Coach Basket Bellizzi) :  

Basket Bellizzi

«In queste due gare con Pozzuoli si sono evidenziate le medesime difficoltà che abbiamo riscontrato con loro nelle sfide di regular season: sono una compagine agguerrita con un roster profondo e più fisico del nostro. I ragazzi hanno provato a dare tutto quello che avevano ma non è bastato. Tuttavia, era impossibile chiedere di più a questi ragazzi»

– Sulle difficoltà offensive :

«Pozzuoli è una squadra che fa dell’intensità difensiva il suo marchio di fabbrica e devo dire che in questa serie hanno ulteriormente alzato l’asticella nella fase di non possesso facendoci sudare ogni singolo canestro. Stasera è andata un po’ meglio rispetto a gara-1 ma abbiamo pagato ugualmente questa intensità ad ogni modo tipica dei playoff»

– Sul bilancio stagionale del Basket Bellizzi:

«Il bilancio della nostra stagione è decisamente positivo. Siamo una neopromossa, non dobbiamo dimenticarlo. E’ vero che avevamo inserito giocatori di esperienza come Trapani ed Esposito ma avevamo anche fatto qualche scommessa, penso a Milan Dondur che si è dimostrato un vero e proprio protagonista di questo campionato. A questi giocatori abbiamo affiancato i vari Di Mauro e Spinelli, ragazzi di talento ma che comunque venivano da campionati inferiori e si sono nuovamente riconfrontati con la Serie C. Per cui, ritengo che dobbiamo essere tutti molto soddisfatti della stagione appena conclusa. E’ ovvio che avremmo potuto fare meglio ma non era così scontato se si considera che sono rimaste fuori dai playoffs squadre del calibro di Sarno che da tre anni può contare su un gruppo ben definito. Ripeto, il bilancio – a mio avviso – è assolutamente positivo»

Commenta
(Visited 92 times, 1 visits today)

About The Author

Carmine Lione Carmine Lione è uno scrittore e giornalista freelance, laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Attualmente iscritto al Corso di Laurea in “Lingue e Culture Straniere” presso l'Ateneo di cui sopra, ha collaborato con varie testate giornalistiche, tra cui zerottonove.it. Ha ricoperto l'incarico di Capo Addetto Stampa della società cestistica Polisportiva Battipagliese ed attualmente presta la sua voce per le telecronache del Basket Bellizzi in onda su LiraTv e del Salernum Baronissi per l'emittente SeiTv. Per quanto concerne la scrittura, nel corso della sua esperienza artistica, ha pubblicato due opere: “Tempi Moderni”, raccolta di racconti edita dalla casa editrice Gruppo Albatros Il Filo e “Luce al neon”, primo romanzo autopubblicato.