Germani Brescia, Bragaglio: "Entro fine mese richiederemo la wild card per l'Eurocup"

A quattro turni dalla fine della regular season di Serie A, la Germani Brescia si trova a -4 dalla zona Playoff, occupata dal trio composto da Sidigas Avellino, Dinamo Sassari ed Openjobmetis Varese. Nella prima parte di stagione, la formazione bresciana è stata impegnata anche in Eurocup, con un’avventura conclusasi al termine della fase a gironi, chiusa con tre vittorie e sette sconfitte.

L’intenzione della Germani, secondo quanto riportato dal Giornale di Brescia, è quella di presentare richiesta di wild card entro fine mese, in modo da prendervi parte anche nel 2019/20: “Entro il 30 Aprile faremo richiesta di iscrizione tramite una wild card per ripetere questa bellissima esperienza in EuroCup” – ha commentato la presidentessa Graziella Bragaglio – “Sono orgogliosa di quello che abbiamo fatto fino ad ora. La nostra società, a differenza di altre in Italia, lavora con basi solide. Stiamo portando questa società ad essere certificata, e sarebbe la prima nella pallacanestro ad esserlo“.

Sempre il Giornale di Brescia ha riportato anche le parole del patron Matteo Bonetti, il quale ha analizzato in chiave critica la stagione, soprattutto in termini di rendimento del roster a disposizione di coach Diana: “Abbiamo il gruppo di giocatori italiani più forti della Lega; e dì questo ne siamo molto orgogliosi” – ha spiegato Bonetti – “Non posso però nascondermi dietro un dito, dovendo ammettere che quest’anno le scelte degli stranieri non sono state azzeccate, soprattutto nel ruolo di centro dominante. Purtroppo Mika e Allen non hanno rispettato le nostre aspettative e questo ha penalizzato la stagione. Non siamo riuscìti a trovare una continuità e un’identità dì gioco“.

Commenta
(Visited 36 times, 2 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.
Per Info