Il Campetto Ancona lotta contro la capolista Civitanova ma non basta

Il Campetto Ancona tiene testa alla capolista. Le tigri bianconere escono sconfitte a testa alta dalla tana della Virtus Civitanova Marche per 84-69. Al di là dello scarto finale, i ragazzi di “Fish” hanno tenuto botta alla compagine di coach Rossi per tre quarti, cedendo nell’ultimo periodo. Peccato per non esser riusciti nell’impresa contro una squadra meritatamente al vertice della classifica. Adesso turno di riposo, visto che si tornerà in campo il 4 marzo, utile per recuperare energie sia fisiche che mentali in vista del forcing finale per conquistare i play-off. Partono bene i padroni di casa, sorretti da Andreani e Tessitore, che riescono a chiudere avanti la prima frazione sul 28-21. Nel secondo quarto il Campetto limita i locali e gli impedisce la fuga: Principi e Baldoni rispondono a Vallasciani e Marinelli, e si va al riposo lungo sul 45-40. Alla ripresa delle ostilità le tigri bianconere si fanno sotto, 49-46, con i biancoblu in difficoltà anche per i quattro falli maturati anzitempo da Andreani e Marinelli. Tuttavia la Rossella ha in Tessitore l’uomo della provvidenza che mette due triple pesanti nel finale, permettendo l’allungo decisivo sul 63-53. Nell’ultimo quarto i ragazzi di “Fish” non intendono mollare e, nonostante un Tessitore ancora decisivo, ricuciono lo strappo fino al -7, 71-64. Il Campetto avrebbe l’occasione per riaprire la gara ma, dopo un fallo tecnico chiamato alla panchina di casa, Baldoni sbaglia il libero e viene anche vanificato il possesso seguente. La compagine di coach Rossi è più cinica e ricaccia indietro gli ospiti con la tripla di Vallasciani e il canestro di Andreani che fanno calare il sipario sul match. “Siamo stati bravi nel primo quarto – afferma coach “Fish” – pur subendo troppo in attacco, mentre nel secondo periodo abbiamo sistemato qualcosa in difesa e siamo andati alla pausa lunga sotto di 5. È seguito una buona terza frazione, dove siamo stati poco lucidi in qualche frangente per poter tentare il sorpasso. Proprio nel finale abbiamo pagato a caro prezzo un minuto di mancanza di lucidità e Civitanova ci ha punito con il break di 8-0 che ci ha fatto chiudere sotto di 10; purtroppo contro squadre forti come queste non puoi mollare mai. Nell’ultimo quarto, a differenza di Fabriano, non ci siamo disuniti ma ci abbiamo creduto fino all’ultimo. Sicuramente il break di 8-0 nel finale del terzo quarto ha deciso la gara, comunque una sconfitta che ci può stare, contro una squadra di questo calibro. A differenza di Fabriano questa è stata una prestazione completamente diversa – conclude l’allenatore bianconero – e deve essere la base da cui ripartire per le ultime cinque gare de torneo.”

 

 

VIRTUS CIVITANOVA – IL CAMPETTO ANCONA 84-69 (28-21, 17-19, 18-13, 21-16)
CIVITANOVA: Cognigni 1, Tessitore 14, Poletti n.e., Vallasciani 8, Andreani 18, Felicioni 8, Maddaloni 5, Amoroso 18, Sbaffoni 2, Grande, Marinelli 10. All. Rossi
CAMPETTO: Strappato 2, Ruini n.e., Bartolucci, Iurini n.e., Novelli, Baldoni 11, David 5, Cuccoli 3, Di Felice n.e., Redolf 18, Ciarallo 14, Principi 16. All. Del Pesce

 

Arbitri: Francesco Ammendola di Ancona e Filippo Giovagnini di Jesi (AN)

Commenta
(Visited 26 times, 1 visits today)

About The Author

источник

читайте здесь orlov-design.com