Carugate, difesa ancora da rivedere

Campo ostico quello di Crema, una delle favorite alla promozione, ma la difesa di Carugate proprio non convince

 

-“Non ci siamo, non ci siamo proprio”- ecco le prime parole del GM Paolo Gavazzi dopo la sconfitta in quel di Crema. Prosegue -“Abbiamo la peggior difesa del campionato, a tratti imbarazzante, ed io come il DS Ganguzza, siamo pienamente convinti chel’80% di una buona difesa nasca dalla determinazione, e perchè no, dalla cattiveria che una atleta deve mettere in campo, e noi su questo non siamo carenti, siamo proprio assenti. Non è un fattore tecnico, il coach più di tanto non può fare, è compito delle ragazze entrare in un’ottica diversa”. Infatti anche con Crema, così come nelle prime due di campionato, Carugate concede tiri ad alta percentuale, tiri semplici in penetrazione alle avversarie, e se sono di caratura come lo sono le atlete della Tec-Mar Crema, vincere ma anche solo rimanere in partita, diventa una impresa difficile per non dire impossibile. Un altro inizio incubo per Stabile e compagne, Crema mette a segno 15 punti nei primi 4 minuti ed arriva a 27 a fine primo quarto. Percentuali altissime per le padrone di casa, non solo perchè giocatrici di ottimo livello ma anche perchè non trovano una concreta opposizione nel “man to man”. Coach Re prova a cambiare i quintetti ma l’apatia non si blocca e all’intervallo il match sembra già chiuso grazie al 49-32 che segna il tabellone luminoso. Squarci di ripresa nella terza frazione, grazie anche ad un rallentamento diciamo fisiologico che si prende Crema, un po’ seduta all’inizio della ripresa. Carugate insiste e trova un piccolo break che la porta sotto fino al 55-48 ma è purtroppo solo un fuoco di paglia il -7 e Crema riprende a macinare gioco e canestri e ricaccia le biancoazzurre a -15 quando mancano solo 10 minuti alla fine. Il punteggio finale di 82-62 rispecchia i valori in campo. Ci può anche stare una sconfitta in trasferta a Crema di venti punti, ma non ci può stare che il match sia già chiuso dopo pochi minuti dall’inizio, non ci può stare, incassare ancora 80 punti. In questa serata di ombre, spicca solo il raggio di sole di Emily Correal, con un’altra prestazione monstre condita da 25 punti (8/16 1/3 6/6) 17 rimbalzi, 3 stoppate e 4 recuperate. Valutazione 39.

In fase offensiva benino anche Colli che ne mette 13 (3/11 2/3 1/1) per il resto qualche sprazzo di Scarsi e Stabile, poi ben poco. Il prossimo match contro Empoli tra le mura amiche deve essere un segno di svolta, soprattutto mentale oppure sarà crisi vera.

 

TecMar Crema – Castel Carugate 82-62  (27-15/49-32/66-51)

Ufficio Stampa Castel Carugate

 

Commenta
(Visited 20 times, 1 visits today)

About The Author