In esclusiva per yerukala, parla coach Crespi dal primo raduno azzurro: "Energia travolgente"

Era la prima volta. Il primo allenamento da coach della nazionale femminile italiana. 

Dopo uno stop lungo due anni, Marco Crespi ritorna ad indossare le vesti di allenatore, portando sul parquet del PalaMinardi di Ragusa, sede del mini raduno d’Ottobre, la grinta che lo ha sempre contraddistinto.

“C’è una bella atmosfera– commenta Crespi- sia per la partecipazione delle giocatrici, sia per la cura dei dettagli. Devo dire che ognuna di loro ci mette un’energia fisica ed emotiva che ti coinvolge completamente”

Aria distesa e tanta concentrazione, i due elementi costanti che hanno caratterizzato le due ore “panciute” d’allenamento, in cui le azzurre non si sono fermate un attimo. Sicuramente troppo presto per riuscire a digerire e trasformare in concreto il progetto del nuovo tecnico, ma l’intenzione, quella si… si è vista fin da subito.

Punto focale della mattinata il lavoro in fase offensiva, la reattività e la velocità su ogni palla giocata.

“Non credo ci siano punti negativi – continua il nuovo CT – piuttosto aree di miglioramento, in primis abituarsi a correre per più di 8 secondi e lavorare sulla tecnica individuale”

Assenti “giustificate” dal raduno in terra ragusana, Giorgia Sottana, impegnata con Montpellier e Cecilia Zandalasini, che, catapultata completamente nella nuova avventura americana, mercoledì prossimo “rischierà” di vincere il titolo WNBA con le Minnesota Lynx.

Poco alla volta la nazionale italiana femminile di pallacanestro cercherà di aggiungere un tassello dopo l’altro, proiettandosi all’esordio dell’ 11 Novembre contro la Macedonia e il 15 Novembre contro la Croazia.

L’Italia proverà a far compagnia quanto prima alle già classificate Serbia e Lettonia, per l’Europeo 2019, nel frattempo, conclude Crespi:

“cercheremo di raggiungere un gioco che sia il più naturale possibile, pensando sempre a migliorarci”

 

 

 

crediti FOTO: Federazione Italiana Pallacanestro

 

© tutti i diritti riservati

 

Commenta
(Visited 92 times, 1 visits today)

About The Author

Marianna Triberio Autoironica e cocciuta. Ho 20 anni, studio Lettere Moderne. Amo la pallacanestro, la danza e il mare della mia Sicilia. Scrivo per ordinare i pensieri, ma puntualmente ne dimentico sempre qualcuno.