Filippi a yerukala.net: "50 punti, che emozione! Ora obiettivo promozione, poi penserò al futuro"

Once in a lifetime. Un momento che capita una sola volta nella vita. E Aldo Filippi forse ha vissuto quello della sua carriera, pochi giorni fa, quando ha siglato 50 punti nella vittoria di Mugnano sulla Caudium. Ad un bottino impressionante, seguono statistiche ancor più incredibili: 21 rimbalzi, 10/14 da due (71%), 6/6 da tre, 12/12 ai liberi. Cifre impressionanti, espressione di una chimica di squadra ben collaudata che vede in lui il principale finalizzatore (“Bravi soprattutto i miei compagni a mettermi in condizione”). Eppure, Filippi non ha ancora realizzato ciò che è riuscito a compiere. “In genere questa è una cosa che dico per scherzo durante i timeout. ‘Dobbiamo vincere e ne devo fare 50!’. E stavolta è successo davvero. Sinceramente a fine partita ricordavo solo di aver messo sei triple, quindi pensavo di averne fatti una trentina. E invece…” ha raccontato a yerukala.net.

Le manifestazioni d’affetto sono piovute da ogni angolo della regione. “Ho avuto tantissimi messaggi sui social, mi sono commosso. E’ come se finalmente tutti i sacrifici fatti sinora assumessero un significato diverso, nuovo” ha raccontato Aldo. Da Niegos Visnjic a Pino Corvo, passando per i mi piace di Mimmo Morena e il post de L’Umiltà di Chiamarsi Minors: tutti, per un applauso virtuale ad un giocatore che in Serie D detta legge. E che con Mugnano punta alla promozione in C: “Ad inizio anno ero scettico sulle potenzialità della squadra, perché è composta quasi interamente da giocatori giovanissimi. Dopo questa cavalcata incredibile anche a loro è venuta la fame giusta, il nostro obiettivo è salire di categoria. Non ci nascondiamo”.

Il segreto, a volerne trovare uno, potrebbe essere il rapporto speciale che c’è tra coach Francesco Olivo e Aldo Filippi. “Ci siamo conosciuti professionalmente proprio qui a Mugnano, cinque anni fa. Poi, mi ha allenato per tre anni alla Partenope e quindi ora. E’ come un fratello maggiore, è stato il primo a credere in me in momento difficile della mia vita e gli devo tanto” ha spiegato il giocatore. Sul futuro, invece, difficile fare programmi e tutte le valutazioni verranno fatte soltanto al termine del campionato. Nonostante per Filippi si preveda la solita ressa per accaparrarselo, Aldo non vuole distogliere la concentrazione dalla strepitosa stagione di Mugnano: “Penso soltanto ai playoff adesso, a ciò che sarà l’anno prossimo ci rifletterò in un secondo momento”. Già, perché ora c’è da vincere un altro campionato. E in questi casi, il numero 13 è sempre un’ottima scelta.

Commenta
(Visited 350 times, 1 visits today)

About The Author

SALVATORE MALFITANO Classe ’94, napoletano, studente di legge e giornalista. Collaboratore per Il Roma dal 2012 e per gianlucadimarzio.com, direttore di nba24.it e tuttobasket.net. Appassionato di calcio quanto di NBA. L'amore per il basket nasce e rimarrà sempre grazie a Paul Pierce. #StocktonToMalone