Fultz a yerukala: "Abbiamo un gruppo fantastico. Ma dobbiamo tenere i piedi per terra"

Nato a Lisbona il giorno di San Valentino di 34 anni fa, Robert Fultz è quel tipo di giocatore che, in una realtà come la Serie A2, preferisci sempre avere dalla tua parte, piuttosto che contro. Un lusso, e per esperienza maturata in questa categoria e per il pregresso del giocatore, nato cestisticamente nella Fortitudo Bologna e capace di vestire per 12 volte la maglia della Nazionale. Questa settimana, la redazione di yerukala.net ha avuto il piacere di raggiungere il capitano dei Roseto Sharks.

– Direi di cominciare dal campionato. Nell’ultima sfida, Roseto si è imposta sul campo di Forlì, in particolare con un gran terzo quarto e un Adam Smith ancora uomo copertina. Come l’hai vista?

È stata una partita difficile su un campo ostico come quello di Forlì: siamo stati bravi a restare in partita nel primo tempo quando faticavamo a trovare ritmo in attacco, e nel secondo tempo grazie alla nostra solidità ed unione siamo riusciti a scappare via. Un fantastico Adam Smith in particolare ci ha dato una grande mano, confermandosi un grandissimo giocatore.

– Dopo sei partite, gli Sharks sono rimasti soli in vetta alla classifica, con cinque vittorie all’attivo. Dove credete di poter arrivare?

Siamo contenti di questo avvio positivo di stagione, e ci godiamo quanto di buono fatto fin qui. Allo stesso tempo però vogliamo rimanere con i piedi per terra, sapendo che siamo appena all’inizio e quindi continueremo a lavorare per crescere ed arrivare il più in alto possibile, tenendo sempre ben presente che il nostro obiettivo è quello della salvezza.

– Sono passati quasi 12 anni dalla tua prima esperienza a Roseto. Quanto è cambiato da allora Robert Fultz?

È cambiato tanto tra il Robert Fultz di allora e quello di oggi: a quei tempi ero un ragazzo e davo poca importanza a certe cose, che invece oggi ritengo fondamentali. Sono diventato più maturo e riflessivo, ed anche nel basket il mio approccio è diverso: cerco di aiutare gli altri a fare il meglio possibile, nell’ottica di ottenere buoni risultati di squadra sia in campo che fuori.

– Che gruppo hai trovato?

Il gruppo è il motivo principale per cui le cose stanno andando nel modo giusto qui a Roseto: stiamo molto bene insieme, ed è molto facile parlare o trovare un punto in comune tra di noi. Penso che questo sia un aspetto fondamentale oggigiorno, che spesso viene anche prima del talento individuale.

– Quale contributo sei convinto di poter dare alla causa di Roseto?

Alla causa Roseto darò tutto il mio contributo, sia in campo che fuori: cercherò di essere un esempio quotidiano per i ragazzi data la mia esperienza accumulata in questi anni sui campi, puntando a dare il massimo per la crescita di questa squadra.

Commenta
(Visited 370 times, 1 visits today)

About The Author

Gianluca Zippo Nato a Formia il 13/01/1988. Laureato in Giurisprudenza presso la Federico II di Napoli, già collaboratore e redattore per Teladoiolamerica.net e Road2sport.com, il calcio, l’NBA e la F1 sono la mia malattia, ma il mondo dello sport mi affascina a 360°.
read more

читать далее