Il Golfo cade in casa contro Milano 78-84, Andreazza: "Gran bella partita, adesso attenzione ai particolari in vista dei playoff!"

Basket Golfo Piombino che affronta da oggi l’ultima settimana di preparazione in vista del campionato. Da lunedì prossimo si inizierà infatti a preparare i playoff la squadra di coach Andreazza che, in attesa del match che deciderà le sorti del quarto posto – domenica a Montecatini -, perde la terza partita casalinga della stagione contro Milano.
78-84 finale che nasconde un primo tempo da urlo iniziato al meglio grazie ad una grande prestazione collettiva. Parte forte Piombino che detta i ritmi di gioco e non accenna ad impaurirsi di una squadra forte e solido come quella lombarda. Nella prima frazione Procacci apre le danze con un bel canestro in penetrazione e, dopo aver subito uno dei primi momenti mortiferi della guardia milanese Negri, Piombino rialza subito a testa con Fontana e Persico, poi il lungo livornese viene richiamato in panchina per i due falli commessi nei primi minuti. A sostituirlo entra un decisissimo e maturato Crespi che si muove bene in campo e lancia segnali di un netto miglioramento.
Il primo quarto, grazie anche all’eccezionale finale di Fontana, si chiude con il Golfo che guida 24-19.
Il secondo periodo vede gli ospiti uscire più allo scoperto e Piombino inizia a perdere le proprie certezze seppur tenendo benissimo nel risultato. Per Milano inizia ad essere una certezza Eliantonio (chiuderà a 22 punti con un grandissimo 4/6 da tre) con Ferrarese e Paleari che aiutano tantissimo a pressare i padroni di casa con tante realizzazioni di pregio. Primo tempo che si chiude in perfetta parità grazie a due triple consecutive di Ferrarese che fanno infuriare coach Andreazza, non contento della gestione degli avversari sul perimetro in difesa.

La ripresa rappresenta il punto più basso toccato da Piombino con un terzo quarto chiuso sul parziale di 15-24 che permette all’Urania di passare in vantaggio prima degli ultimi dieci minuti di gioco. È ancora Ferrarese a partire bene nel terzo periodo ed è ancora Eliantonio a lanciare gli oroneri ospiti. Squadra avversaria che tocca anche la doppia cifra di vantaggio in questo frangente e mette una seria ipoteca sulla partita.
Nell’ultimo quarto infatti, complici la stanchezza e la perdita di lucidità al tiro, Piombino insegue e non realizza la rimonta neanche con le grandi iniziative di Iardella e Persico. Golfo che perde così la partita e l’occasione di avvicinarsi all’ultimo confronto della stagione regolare forte di altri due punti.

Nel post partita poi, immancabile il commento di coach Andreazza, colpito dallo striscione dedicatogli dalla Marea Gialloblù ad inizio partita:
“Mi ha fatto moltissimo piacere vedere quello striscione, una testimonianza del rapporto che si è creato quest’anno. I nostri obiettivi erano quelli di fare bene e di giocare per regalare tante soddisfazioni al nostro pubblico, sono contento di quello che siamo riusciti a fare fin qui. Adesso lavoreremo per provare a dare un’altra bella soddisfazione alla nostra gente sperando di poter avere un bel tifo anche nella trasferta di Montecatini.
Sicuramente i complimenti per la stagione poi vanno fatti ai ragazzi. Non è ancora finito niente però, e adesso dobbiamo andare a giocare una partita importante a Montecatini e poi pensare ai playoff.
Stasera è stata una classica partita playoff contro una squadra forte, una squadra che fisicamente ti prosciuga ogni energia. Un match di assoluto livello e non era facile giocarlo.
Il problema più grosso è stato che, dopo un primo tempo giocato alla grande da noi, non ci siamo ritrovati ad essere davanti di 10 punti ma bensì pari nel risultato, a testimonianza della loro forza e della loro qualità. A differenza di altre partite tipo Omegna e Firenze, che sono paragonabili a Urania come capacità, siamo stati meno attenti a molte piccole imperfezioni. Stasera infatti, senza nulla togliere alla loro prestazione, qualche piccola ingenuità l’abbiamo pagata soprattutto a livello difensivo. Con qualche azione gestita male, abbiamo permesso loro di piazzare il break fondamentale.
Questo è il tipo di partite che troveremo ai playoff e dovremo essere pronti a prestare attenzione a tutti i particolari, soprattutto contro squadre che sono più forti. Nell’ultimo minuto e mezzo non abbiamo mollato ed il passivo di sei punti è una resa onorevole contro Milano. Dobbiamo arrivare quarti per tutta una serie di motivi, quindi dobbiamo recuperare le nostre energie, tecniche e fisiche, e lavorare per preparare l’ultima trasferta della stagione regolare ma, comunque, siamo sulla strada giusta.”

Commenta
(Visited 41 times, 1 visits today)

About The Author

обращайтесь gss.com.ua

np.com.ua

посмотреть