La Renzullo Lars Salerno punta sul fattore PalaSilvestri per aggiudicarsi la “bella” con Senigallia

Sarà la “bella” a stabilire chi tra la Renzullo Lars Virtus Arechi Salerno e la Goldengas Pallacanestro Senigallia andrà a sfidare la corazzata Cestistica San Severo nella semifinale dei play off del campionato di Serie B Old Wild West. I pugliesi, che avevano chiuso al primo posto la regular season nel girone C, hanno regolato in due gara la pratica Basket Scauri e ora avranno qualche giorno in più per preparare il prossimo appuntamento rispetto agli avversari. Domani, domenica 6 maggio, alle ore 18 al PalaSilvestri di Matierno (ingresso ancora una volta gratuito) la squadra del presidente Nello Renzullo cercherà di far valere il fattore campo come avvenuto in gara 1 per centrare l’accesso al turno successivo degli spareggi promozione. Il roster allestito dal diesse Pino Corvo al PalaPanzini non è riuscito a replicare la prova offerta nel primo confronto, firmando una prestazione dai due volti. Ordinata nel primo tempo, nervosa nel secondo, la Renzullo Lars è stata battuta 87-76 dai marchigiani che sono stati bravi ad acquisire un buon margine di vantaggio nel terzo periodo per poi difenderlo fino alla fine. Approfittando anche di una punta di nervosismo palesata dai blaugrana. Il quintetto di coach Orlando Menduto, dopo il lungo viaggio per rientrare in città, è tornato in palestra per lavorare al fine di porre rimedio agli errori commessi in gara 2. Capitan Cucco e soci confidano anche nel caloroso sostegno degli sportivi salernitani per aggiudicarsi il terzo e decisivo confronto e strappare così il pass per la semifinale con San Severo (nelle cui file milita anche l’ex Levan Babilodze). Gli appassionati di basket e non solo loro di certo parteciperanno in massa alla “bella”, una gara da dentro o fuori, per trascinare la squadra che sta rappresentando il nome della città di Salerno nella terza serie nazionale ad un obiettivo di tutto riguardo.

«Abbiamo provato a chiudere la serie a Senigallia ma loro sono stati bravi a rimanere in partita nel primo tempo e poi tra fine terzo quarto e inizio ultimo a prendere un margine di vantaggio che hanno difeso fino al termine del match. Senza fare drammi, questo significa semplicemente che proveremo a conquistare la semifinale in casa nostra. Al PalaPanzini abbiamo fatto una gara molto solida per 20 minuti, anche nel terzo periodo pur aumentando il numero di distrazioni difensive eravamo lì. Abbiamo chiuso a -7 quando avevamo la possibilità di ridurre ulteriormente le distanze, per due palle giocate male. Ma eravamo ancora in gara. Nell’ultima frazione ci siamo fatti distrarre da cose che non c’entrano con la pallacanestro giocata. E questo è stato un grave errore da parte nostra, ma loro hanno comunque meritato di vincere la partita. Non si poteva pensare di andare a Senigallia e vincere la partita permettendo agli avversari di segnare 87 punti, sapevamo che in casa le loro percentuali sarebbero migliorate e, dal canto nostro, siamo stati poco attenti in diverse situazioni. La differenza, rispetto al primo confronto, l’ha fatta sicuramente questo aspetto. Ci siamo rimboccati le maniche subito dopo la sconfitta. Per vincere la “bella”, ci sarà bisogno di maggiore concentrazione, attenzione, solidità e dovremo imporre il nostro ritmo da subito in attacco, come abbiamo fatto nella prima gara e per gran parte del match di Senigallia. Dobbiamo essere però capaci di mantenere questi aspetti per 40 minuti e sono certo che firmeremo una prestazione solida. Metteremo tutti il 100 per cento delle nostre capacità per vincere questo confronto e regalare alla città di Salerno la semifinale dei play off».

Commenta
(Visited 42 times, 1 visits today)

About The Author

https://topobzor.info

www.fashioncarpet.com.ua

www.photolifeway.com/stokovoe-video