La sfida tra CSKA e Valencia apre la sesta giornata di EuroLeague

La prima sfida della sesta giornata di EuroLeague metterà a confronto due squadre che hanno trionfato nei propri campionati nazionali: il CSKA ed il Valencia. Gli uomini di Itoudis si trovano attualmente al primo posto della classifica in compagnia di Real Madrid, Olympiacos e Khimki, con un record di quattro vittorie ed una sconfitta. A ridosso del gruppo di testa, con tre vittorie e due sconfitte, troviamo proprio il Valencia insieme a Bamberg,  Maccabi e Fenerbahce.

LA SITUAZIONE DELLE DUE SQUADRE

I russi stanno vivendo un buon momento in Europa: dopo la sconfitta contro il Real Madrid sono arrivate tre vittorie consecutive, di cui l’ultima contro lo Zalgiris è arrivata grazie ad una grandissima prestazione di Nando De Colo. Il francese ha infatti messo a referto 25 punti e 10 assist con una sola palla persa, prestazione che gli è valsa il titolo di MVP della quinta giornata.

Il Valencia, peraltro ex-squadra proprio di De Colo, arriva a questa partita dopo un passo falso. La sconfitta contro il Fenerbahce ha interrotto una serie di tre vittorie consecutive dei campioni di Spagna, tutte ottenute sul proprio territorio nazionale (una in trasferta ma contro il Baskonia). La trasferta di Mosca non è certo la più facile da cui partire per invertire la tendenza.

LE POSSIBILI CHIAVI TATTICHE

L’infortunio di Leo Westermann fa perdere ad Itoudis un ottimo giocatore ma il pacchetto di guardie del CSKA resta ancora di grandissimo livello: oltre al già citato De Colo, i russi hanno anche a disposizione un top player come Sergio Rodriguez. Il play spagnolo ha una media di 14.2 punti a partita, ottenuti anche grazie al 48.1% da 3 punti (13 centri su 28 tentativi). Coach Vidorreta però non si deve disperare: oltre ad un Erik Green sempre più guida offensiva dei suoi (16.8 punti di media), può contare su Vives e Van Rossom, che potrebbero riuscire a contenere le straripanti guardie russe. Se il CSKA basa la sua forza sull’attacco (87.0 punti segnati a partita), gli spagnoli hanno nella difesa la loro arma più letale: i punti concessi fin ora sono stati appena 68.2 a partita e nessuna delle cinque avversarie è mai riuscita a toccare quota 80.

Tra i russi c’è però un giocatore che in questa stagione è emerso con prepotenza al di sopra di tutti, pur non partendo mai in quintetto: si tratta di Will Clyburn, leader della sua squadra per punti (16.6), rimbalzi (7.4) e palle rubate (1.4). Anche in questa partita l’americano potrebbe partire dalla panchina: in campo servirà tutta la fisicità di Vorontsevich e Kulagin per sopperire al mismatch tra Hines (alto 1.98 m) ed il suo ex-compagno al Bamberg Pleiss (2.18 m). Difficile che il tedesco perda il posto per far spazio a Bojan Dubljevic, MVP delle ultime finali di Liga ACB, le cui caratteristiche lo portano anche ad aprire il campo: è interesse degli spagnoli tenere Hines vicino a canestro.

Il CSKA va a caccia della sua quattordicesima vittoria consecutiva in casa, il Valencia cerca la prima gioia lontano dalla penisola iberica. La fisicità degli spagnoli dovrà rallentare il ritmo martellante dei russi: solo con una partita dal basso punteggio il Valencia può avere qualche chance di strappare la vittoria, altrimenti la partita penderà dalla parte di De Colo e compagni.

Commenta
(Visited 30 times, 2 visits today)

About The Author

Riccardo Olivieri Sono nato a Genova e cresciuto a Chiavari, nella splendida Liguria. Laureando in lettere, ho scelto la strada del giornalismo per seguire la mia più grande passione: scrivere.