L'Alfa Basket pronta al riscatto contro il San FIlippo del Mela

 Archiviata la prima sconfitta  stagionale in serie C Silver, subita nel recupero di mercoledì scorso contro la Costa

Capo D’Orlando di coach Giuseppe Condello, la Polisportiva Alfa è di nuovo

protagonista sul campo della palestra dell’Istituto Leonardo Da Vinci. Domani

pomeriggio (palla a due alle ore 18,30) il quintetto etneo affronterà la “Peppino

Cocuzza” di San Filippo Del Mela. Concentrazione massima e voglia di tornare al

successo per l’intera “famiglia” Alfa. Un kappaò, contro la corazzata Costa, ci può

stare. I paladini sono, del resto, i favoriti principali per la vittoria finale di questo

campionato. Domani bisognerà ripartire. Giocare da squadra, aggredire gli avversari e

non concedere nulla. I messinesi, ultimi in classifica ed ancora a secco di punti

insieme con il Cus Catania, non vanno comunque sottovalutati. In campo ci vorrà lo

spirito “alfista”, il cuore su ogni palla e quella voglia matta di vincere ed esaltare il

pubblico di fede rossazzurra. I tecnici della Polisportiva Alfa, Andrea Bianca e Salvo

Taormina hanno preparato bene l’incontro di domani. Nelle fila dell’Alfa mancherà,

oltre al convalescente Riccardo Arcidiacono, anche capitan Loris Catotti, che si è

infortunato mercoledì scorso contro la Costa Capo D’Orlando.

La sfida tra Polisportiva Alfa e Cocuzza San Filippo Del Mela sarà arbitrata da

Francesco Giunta e Gianpaolo Ferraro di Ragusa.

“Vogliamo ripartire e riprendere la marcia – afferma il direttore generale della

Polisportiva Alfa, Carmelo Carbone -. La sconfitta contro la Costa è ormai in

archivio. Domani ci aspetta un’altra battaglia sportiva, un’altra sfida. Siamo

concentrati solo su questo. La squadra ha voglia di riscatto e sono certo che non

deluderà le attese. San Filippo Del Mela è un avversario ostico. Vincere è importante

per mantenere un buon distacco dalle zone calde della classifica”.

Commenta
(Visited 31 times, 1 visits today)

About The Author

Mirko Pellecchia Nato e cresciuto ad Avellino. Studente, amo la pallacanestro in ogni sua forma essendo essa metafora della vita.