L'importanza di essere una squadra

a cura di Vincenzo Ruggiero (La Pagina del Cestista)

Parto dalla citazione di un noto film sul calcio, ovvero “GOAL!”
Sembra sempre strano comparare due Sport, ma in questo caso di sicuro c’è una cosa che accomuna il Basket con il Calcio.
Ricordo particolarmente proprio una frase dell’allenatore che diceva a Santiago (il suo attaccante): “il nome che porti davanti è più importante di quello dietro, siamo una squadra, non lo show di un giocatore, capisci?”
Questo argomento è di grande attualità in ogni Sport di squadra.
I singoli ti aiutano a vincere qualche partita, ma solo la squadra può vincere un campionato.
Un esempio che ricordo bene è quello dei Dallas Mavericks, che nel 2011 vinsero il titolo contro i Miami Heat, super favoriti alla vittoria finale.
Andando a vedere solo i Big 3 di Miami uno poteva pensare: “non c’è storia! Heat già campioni NBA.” Il fatto è che non si gioca in 3.
Dietro a quelle 5 persone che sono in campo c’è un gruppo che lavora costantemente giorno dopo giorno.
C’è chi gioca 40 minuti e chi sta in panca per quasi tutta la stagione, eppure il secondo potrebbe essere un punto di riferimento nello spogliatoio.
Ricordo particolarmente anche il titolo vinto dai Celtics nel 1969, una delle imprese sportive più sottovalutate di sempre.
Qualcuno probabilmente avrà ancora qualche DVD della collezione “I Love NBA”, quel qualcuno allora saprà benissimo che quelli del 1969 erano chiamati “i vecchi Celtics”.
Effettivamente i vari Russell, Jones e Howell proprio giovani non erano.
Eppure riuscirono a vincere la finale contro una (almeno per singoli) delle squadre più forti di sempre, i Lakers di West, Chamberlain e Baylor.
Il riassunto è molto semplice: “puoi avere tutti i talenti del Mondo, ma se non si crea la chimica giusta non si andrà da nessuna parte.”

Commenta
(Visited 203 times, 1 visits today)

About The Author

website promotion

подробно maxformer.com