Mondiale u19: troppo forte il Canada, l'Italia si arrende 79-60

Canada troppo forte, Italia mai in partita

Serviva un miracolo e, purtroppo, questa volta non è avvenuto. L’Italia perde 79-60 contro il Canada e vede sfumare il sogno dell’oro mondiale under 19. Resta però la soddisfazione per aver raggiunto una finale che mancava da più di 20 anni; l’argento è un risultato storico per una squadra che, agli inizi della rassegna mondiale, non era neppure tra le favorite della competizione.

Barrett e Kigab protagonisti, Penna l’ultimo ad arrendersi

Il Canada ci è nettamente superiore e lo mostra subito. Oduro e Bamba fanno il vuoto a rimbalzo mentre Barrett e Darling puniscono gli azzurri spesso e volentieri dal perimetro. L’Italia ci prova con Penna, Denegri ed Okeke ma la zona canadese crea diversi problemi all’attacco tricolore. I ragazzi di coach Capobianco provano a reagire ma l’eccessiva quantità di rimbalzi presi da Barrett e soci mette in crisi le certezze azzurre. Alla fine del primo quarto l’Italia è sotto 24-10.

Il secondo quarto vede una forte reazione di Penna e compagni che provano a rientrare. Djiuric, Sheppard puniscono le disattenzioni difensive. Okeke, Oxilia e la grinta di Bucarelli rosicchiano qualche punto alla nazionale guidata da Rana in panca. RJ Barrett però riprende le redini della squadra e insieme a Kigab ricomincia a macinare punti. Con i due canestri consecutivi di Okeke, e una clamorosa tripla sfiorata da Penna, si chiude il primo tempo per 51-36 in favore degli aceri.

Terzo ed ultimo quarto

Il terzo quarto vede i canadesi iniziare subito forte per cercare di chiudere la gara. La difesa azzurra palesa i suoi limiti sul pick n roll di Barrett e Bamba con il secondo che schiaccia indisturbato in un paio di occasioni. Kigab Wigginton e Darling si dimostrano pericolosi sia dal perimetro sia dalla lunetta. Gli azzurri non trovano più canestri facili e riescono  smuovere il punteggio solo con pochi tiri liberi. Si conclude con soli 12 punti segnati dagli azzurri il terzo quarto degli azzurrini.

L’ultimo quarto è una passerella della nazionale canadese che controlla il ritmo dal primo all’ultimo minuto. Col passare dei minuti sia i ragazzi di Capobianco che quelli di Rana mollano gli ormeggi. Gli ultimi ad arrendersi sono Pajola e Penna che, con orgoglio, cercano di limitare i danni. I canadesi sempre con Darling e l’insaziabile Barrett dominano la scena. Ancora difficoltà offensive per gli azzurri che segnano poco chiudendo con il 17% complessivo da 3 e il 50% da due.

Il Canada si prende con RJ Barrett ( 18 punti alla fine) uno storico oro mondiale mostrando molti elementi dal radioso futuro. Per gli azzurrini risultato altresì storico e un futuro tutto da costruire.

Commenta
(Visited 71 times, 1 visits today)

About The Author

Nicola Garzarella Studente ed aspirante giornalista. Un giorno ho incontrato il mondo della palla a spicchi e da lì non l'ho più mollato. Cerco di coniugare la scrittura con la mia grande passione per lo sport e il basket in particolare.
best-products.reviews

ремонт квартиры киев

progressive.ua