Pallacanestro Cantù, la crescita di Jaime Smith decisiva per la risalita brianzola

Nella vittoria della Red October sul Banco di Sardegna di sabato
scorso c’è tanto di Jaime Smith, top scorer dei biancoblù con 23
punti a referto, ai quali vanno aggiunti anche 6 preziosissimi assist.
Una prestazione da incorniciare per il playmaker nativo
dell’Alabama che, nel solo quarto periodo, ha realizzato 7 punti
pesanti che hanno permesso a Cantù di rimontare undici lunghezze
di svantaggio (57-68 al 30’).
Nel secondo tempo di Cantù-Sassari, Smith è stato il vero
trascinatore della truppa brianzola, supportato da un incredibile
Salvatore Parrillo, autore di due triple decisive nel finale per
completare la rimonta. Proprio come nel match di andata al
“PalaSerradimigni”, l’esterno americano è stato il giocatore
biancoblù più pericoloso ed efficace contro la Dinamo. Se nella gara
di andata furono 22 i punti segnati dal classe 1989 di Birmingham,
non abbastanza per evitare la sconfitta (94 a 80 per i sardi), al
ritorno Smith si è superato, segnandone addirittura 23, massimo
stagionale, ritoccando proprio il season high realizzato in terra
sarda alla prima giornata di campionato, l’uno ottobre 2017.
La crescita di Smith la si può leggere anche nelle sue ultime
statistiche, dopo Natale la sua media punti è aumentata
vertiginosamente, facendo registrare quasi 17 punti di media nelle
ultime 5 gare. Statistiche complessive che, al momento, vedono il
playmaker titolare della Red October oltre i 13 punti di media
(13.6), con il 41% dall’arco (36/88) e con 4.3 assist. Statistiche
aumentate grazie all’ultima performance contro Sassari, una prova
da 23 punti (4/6 da tre), 6 assist e 27 di valutazione.

Commenta
(Visited 61 times, 1 visits today)

About The Author