Tutto pronto per il derby tra Piombino e Cecina

Non c’è dubbio che questa sia una delle giornate più sentite per il Basket Golfo Piombino, seconda soltanto alla giornata in cui il derby si gioca in casa. Così come successe nella stagione passata la formazione rossoblù si presenta alla sfida con la Piombino come capolista del girone.

 

Quest’anno i cecinesi, con un organico per la maggior parte rinnovato guidato dal nuovo coach Giacomo Bandieri, sono stati autori di un ottimo avvio di stagione raccogliendo quattro vittorie in altrettante partite, l’ultima delle quali arrivata in modo rocambolesco a Pistoia contro il Valentina’s Bottegone: i 38 punti di uno spaventoso Giovanni Bruni hanno infatti aiutato Cecina a rimontare uno svantaggio di 19 punti, infliggendo agli uomini di Biagini un parziale di 36 a 17 nell’ultimo quarto. Nell’altra sfida esterna, contro i Pino Dragons, sono riusciti a ottenere la vittoria per un solo punto, mentre non hanno dovuto patire più di tanto nelle due partite interne contro Oleggio e Moncalieri.

 

Fra gli uomini di Bandieri, Bruni rimane il più temibile della squadra. Nonostante le sue 35 primavere domina momentaneamente la classifica di rendimento individuale del girone con 20,3 in valutazione, mentre negli assist è secondo con 5,5 in media a partita. Le sue medie però non sono un caso isolato: Cecina può contare su altri quattro giocatori – Mazzantini, Spatti, Lasagni e Salvadori – costantemente in doppia cifra nei punti segnati grazie a percentuali sopra il 63% da due (migliore squadra da due); da tre impressiona la guardia 22enne Simone Lasagni che segna con una media del 56%.

Grazie a queste cifre e ai 77,8 punti segnati a partita, Cecina rappresenta il miglior attacco dopo quello della Sangiorgese (78,8), ma è anche una squadra che concede tanto che si tratta della quarta peggior difesa con 73,3 punti subiti a partita.

 

Il Golfo viene da tre vittorie consecutive che hanno consentito ai ragazzi di coach Padovano di accumulare un po’ di fiducia e il buon momento Franceschini potrebbe dare la carica giusta ai suoi compagni visto che ci sono ancora dei buoni margini di miglioramento sia per i singoli che per la squadra. Il derby però è una partita a sé, dove le statistiche vengono spesso stravolte, gli schemi saltano, la fisicità domina – come ha detto l’MVP della scorsa domenica – e dove le emozioni condizionano come non mai le prestazioni dei giocatori. Persino nell’amichevole al Trofeo Scali di quest’anno le due squadre dimostrarono un’intensità superiore alla norma: in quell’occasione Cecina vinse 105-93 mandando Piombino in lunetta ben 49 volte.

Commenta
(Visited 31 times, 1 visits today)

About The Author