Raffaella De Rosa a yerukala : "Siamo un giusto mix di esperte e giovani. Campionato tosto, Vicenza, Bologna e Ferrara una spanna sopra! Sensazioni bellissime giocare ancora a pallacanestro!"

Una delle ‘Veterane’ della Serie A2 2016/2017, Raffaella De Rosa della CMO Stabia  si racconta a yerukala.net attraverso le domande che le poniamo!

Una donna seria e professionale che ha sposato oramai da tanto tempo il progetto Castellammare di Stabia, quest’anno ringiovanito e affidato alla preziose ‘cure’ di coach Massimo Massaro.

La CMO Stabia è reduce dal derby vinto  di 2 punti (48-50 ndr.)  contro Salerno e attende di giocare la gara casalinga sabato 29 ottobre contro la Matteplaist Bologna, capolista del Girone B di Serie A2.

 

Stabia vince il derby campano e si rilancia; campionato equilibrato e difficile. Un suo pensiero a riguardo?

 

” Finalmente abbiamo trovato la prima vittoria in campionato, con non poche difficoltà,poiché anche Salerno, come noi, arrivava al derby dopo due sconfitte. ll girone quest’anno è molto equilibrato anche se Vicenza, Ferrara e Bologna sembrano essere una spanna sopra alle altre grazie ad organici importanti nei quali ci sono molte giocatrici esperte per il campionato di A2!”
Che che squadra siete? Come vivete la partita? Ci sono stati dei rinnovamenti ma lottate su ogni campo con la massima dedizione?

“A parer mio siamo una squadra con il giusto mix tra giocatrici esperte e giovani, alcune delle quali si affacciano per la prima volta sul palcoscenico della A2. Quest’anno c’è stato un rinnovamento sia nella guida tecnica, che nel roster, nonostante ciò si è formato già un bel gruppo, sicuramente componente fondamentale per affrontare un campionato che oltre ad essere molto equilibrato sarà dispendioso dal punto di vista fisico poichè considerato che ben 8 delle 13 squadre sono nel nord Italia saremo costrette ad affrontare lunghe trasferte!”

Lei è la più esperta del gruppo. Cosa vuol dire giocare a pallacanestro e perchè lo fa ancora?

“Praticare sport in genere migliora la qualità della vita e ti aiuta a tenere in forma non solo il corpo ma anche la mente, giocare a pallacanestro rende tutto ancora più bello, condividere sacrifici e obiettivi, mettersi a disposizione di un gruppo con umiltà, sapendo che per raggiungere un traguardo hai bisogno dell’energia e dell’impegno di tutte le altre, queste sono le cose che ti spingono a non lasciare mai la palla a spicchi .

Sono molto felice di provare ancora queste sensazioni direttamente e di poter dare il mio contributo a questa società che rappresenta la mia seconda famiglia!”

 

Per le più giovani un vero esempio da seguire!

Commenta
(Visited 138 times, 1 visits today)

About The Author