La Virtus Arechi Salerno fa sua gara 3 : Senigallia deve arrendersi al "PalaSilvestri"

La compagine cara al patron Nello Renzullo supera la Goldengas Senigallia al termine di un match intenso e costantemente in equilibrio; Sorrentino e Paci sugli scudi


Dinnanzi al pubblico delle grandi occasioni Virtus Arechi Salerno e Goldengas Senigallia si giocano l’accesso al turno successivo dei playoffs in gara-3 dopo che, nel secondo episodio della serie, i marchigiani erano stati bravi a rimettere le cose al posto e a riportare la serie in parità.

Il PalaSilvestri è gremito in ogni ordine di posto ed il primo canestro della gara viene realizzato proprio da uno dei beniamini del pubblico “blaugrana”, ovvero, Sanna.

La Goldengas non sta a guardare e risponde colpo su colpo grazie ai centri di Paparella e Pierantoni.

L’equilibrio caratterizza i primi cinque minuti di partita, coach Menduto prova a mischiare un po’ le carte viste le buone percentuali dalla lunga distanza fatte registrare dagli ospiti e piazza subito una interessante zona 2-3.

Dall’altro lato il suo collega Foglietti fa altrettanto ma Salerno non si fa impressionare grazie ad un’ottima circolazione di palla e alla notevole verve realizzativa di Marco Cucco.

Il tiro dalla lunga distanza continua a premiare i salernitani che mettono la freccia (19-16) a due minuti e mezzo dal termine del primo quarto grazie ancora all’ex Bergamo, Sanna.

Senigallia, però, non molla un centimetro, con il solito Pierantoni capace di realizzare 11 punti sui 23 complessivi dei marchigiani; l’ultimo possesso è della Virtus Arechi che, affidandosi al killer-instinct di Sorrentino, trova una tripla a fil di sirena che vale il provvisorio 25-23.

Si riparte con i medesimi quintetti e la Goldengas subito a segno con un jumper laterale di Paparella che vale la nuova parità a quota 25.

La partita si incattivisce, Petrazzuoli spende in rapida successione due falli che si sommano a quello dei primi minuti e costringono l’esterno ex Campli a lasciare il posto a Mennella.

Qualche decisione arbitrale per lo meno dubbia non fa altro che motivare ulteriormente i ragazzi di coach Menduto che piazzano un mini break importante di 4-0 che costringe coach Foglietti al timeout e scalda ulteriormente il catino del palasport sito in località Matierno.

Al ritorno in campo Salerno allunga il parziale con un gioco da tre punti del totem Paci; il parziale viene interrotto da una tripla dall’angolo di Giacomini che, in equilibrio precario, punisce i granata.

In un attimo, gli ospiti si riprendono l’inerzia della contesa con altri due punti importanti di Paparella che riportano la Goldengas sotto di due lunghezze (36-34). Questa volta a chiamare timeout è Orlando Menduto.

Negli ultimi quattro minuti il copione della contesa non cambia e si continua a vivere di emozioni, sorpassi e controsorpassi; la Virtus Arechi riesce a contenere le incursioni ospiti e all’intervallo lungo il vantaggio è di tre lunghezze (46-43).

La ripresa delle ostilità vede Salerno subito a segno grazie ad un tiro in sospensione dell’ex Cuore Napoli Sorrentino, che porta i suoi avanti di cinque lunghezze.

Il primo “goal” marchigiano è di Giampieri che colpisce dai 6,75. A dargli manforte ci pensa poco dopo Paparella con una pregevole penetrazione che vale il -2 (50-48 a 7 e 14 dal termine del terzo quarto).

Nel momento più complesso Sorrentino prende per mano la squadra con una difesa ai limiti della perfezione su Giampieri ed una tripla che vale il nuovo +4.

Gli ospiti sembrano accusare il colpo ma a prenderli per mano ci pensa Tortù che, in un amen, diventa il miglior realizzatore della partita col fermo proposito di replicare la performance da MVP di gara-2.

La terza frazione di gioco si chiude sul 64-62 in favore dei “blaugrana”.

La temperatura all’interno del PalaSilvestri sale ulteriormente all’inizio dell’ultimo e decisivo quarto di gioco: equilibrio ancora a farla da padrone, Paci realizza due punti dal peso specifico difficilmente quantificabile ma ancor più rilevante è la tripla di Leggio che vale il 69-63 in favore di Salerno.

Senigallia è chiamata all’ennesima pronta reazione; neppure il tempo di invocarla che Ricci realizza una tripla dall’angolo che dà letteralmente ossigeno ai tanti supporters arrivati dalla Marche e costringe coach Menduto alla sospensione sul 69-68 a sei e cinquantadue dal termine della partita.

Dopo il timeout del capo-allenatore di Salerno, Sanna commette il suo quinto fallo che lo costringe a lasciare il campo in favore di Cucco.

La Goldengas ha diverse occasioni per riportarsi avanti ma le spreca non palesando la giusta accortezza al tiro dalla lunga distanza; Salerno capisce che non è più né il tempo né il caso di scherzare e grazie ad un layup di Cucco trova il nuovo +3 (71-68).

A quattro minuti e mezzo dal termine, Paci realizza spalle a canestro il +5 ma poi si fa sanzionare con un fallo antisportivo che rimette immediatamente in carreggiata gli ospiti, implacabili dalla linea della carità (73-70).

La giocata forse più importante della partita per la Virtus avviene poco dopo quando Sorrentino serve un pallone al bacio per Cucco che converte dai 7 metri per il 78-72.

Senigallia non ne ha davvero più e tutti i rimbalzi sono ad appannaggio dei lunghi salernitani; Sorrentino premia il lavoro dei suoi compagni impegnati sotto le plance e converte ancora in penetrazione per l’80-72.

L’ultimo minuto e mezzo è una marcia trionfale per squadra e pubblico salernitano tutti uniti per un successo voluto e, alla fine, ottenuto.

Finisce 89-79, con Sorrentino sugli scudi, la Goldengas sconfitta sì ma a testa altissima e la Virtus Arechi Salerno in paradiso.

Per i ragazzi cari al patron Nello Renzullo ora non resta che concentrarsi sul prossimo avversario: sarà sfida alla Cestistica San Severo con in palio un posto alla Final Four di Serie B.

Non sarà facile ma a Salerno le sfide difficili non fanno paura.

 

VIRTUS ARECHI SALERNO – GOLDENGAS SENIGALLIA 89-79 (25-23 ; 21-20 ; 18-19 ; 25-17)

Virtus Arechi Salerno: Di Prampero 13, Leggio 6, Cucco M. 17, Sorrentino 19, Petrazzuoli 4, Paci 20, Mennella 2, Sanna 8, Datuowei ne, Cucco A. ne. Coach: Menduto.

Goldengas Senigallia: Giacomini 7, Tortù 20, Giampieri 13, Paparella 12, Pierantoni 19, Bertoni 0, Angeletti ne, Ricci 6, Benedetti ne, Gurini 2, Del Torto ne, Maiolatesi ne. Coach: Foglietti.

 

Commenta
(Visited 94 times, 1 visits today)

About The Author

Carmine Lione Carmine Lione è uno scrittore e giornalista freelance, laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Attualmente iscritto al Corso di Laurea in “Lingue e Culture Straniere” presso l'Ateneo di cui sopra, ha collaborato con varie testate giornalistiche, tra cui zerottonove.it. Ha ricoperto l'incarico di Capo Addetto Stampa della società cestistica Polisportiva Battipagliese ed attualmente presta la sua voce per le telecronache del Basket Bellizzi in onda su LiraTv e del Salernum Baronissi per l'emittente SeiTv. Per quanto concerne la scrittura, nel corso della sua esperienza artistica, ha pubblicato due opere: “Tempi Moderni”, raccolta di racconti edita dalla casa editrice Gruppo Albatros Il Filo e “Luce al neon”, primo romanzo autopubblicato.
https://progressive.ua

http://220km.net

https://steroid.in.ua