Sassari, coach Pasquini: "Trento squadra che sta bene e sta vivendo un ottimo momento"

Questo pomeriggio, nella Club House di via Nenni, coach Pasquini ha incontrato i giornalisti in vista della prossima sfida di campionato LBA. Domenica, 7 gennaio, sarà alzata la palla a due del match valido per la quattordicesima giornata di campionato contro l’Aquila Basket Trento.

“Giochiamo contro una squadra che sta bene e sta vivendo un ottimo momento. Trento ha una qualità incredibile a livello difensivo, sono bravissimi a metterti mani addosso e negarti qualsiasi situazione semplice, che sia un palleggio, un passaggio o un’uscita dai blocchi. È una squadra che, salutati Behanan e Baldi Rossi e con il ritorno di Dustin Hogue, è la stessa che è arrivata fino alla finale scudetto giocandosela alla pari con Venezia. È una formazione che secondo me è più bilanciata rispetto allo scorso anno avendo inserito un giocatore come Gutierrez al posto di Craaft, una pedina con più di talento e meno inquadrato dal punto di vista tecnico tattico, capace di rompere le partite come ha fatto l’altro giorno e in grado di evidenziare il vero segreto di Trento che è Toto Forray. Forray è un giocatore che è cresciuto negli anni, più passa il tempo più è decisivo e, con Gutierrez dietro che dà i cambi di ritmo, permette alla squadra di avere due volti diversi”.

Quale sarà la chiave?

“Dovremo essere bravi e pronti a non andare nel loro territorio. Sono convinto che saremo pronti per fare una buona partita per capire a livello offensivo gli obiettivi da raggiungere contro Trento che ha la capacità di lucrare sugli errori degli avversari”.

Il match con Trento è fondamentale in ottica qualificazione Finale Eight…

“La Final Eight è sicuramente un obiettivo che vogliamo raggiungere. Oggi il nostro campionato dice che abbiamo collezionato sei sconfitte: due all’inizio con Bologna e Torino fuori casa, contro due squadre che stavano molto bene, con il play e la guardia titolare fuori, poi quella con Cremona e in casa con Capo d’Orlano e infine le ultime due dopo le sette vittorie, finite ai supplementari. Abbiamo vinto contro due delle prime quattro squadre della classifica, Milano e Brescia, e con le altre due siamo arrivati ai supplementari quindi ci manca poco per essere lì. La F8 è un obiettivo che vogliamo raggiungere ma allo stesso tempo non vogliamo che sia uno psicodramma, voglio che ci sia molta razionalità: non pensavo fossimo dei fenomeni dopo le sette vittorie consecutive e nella stessa maniera analizzo le ultime due sconfitte con grande lucidità”.

Commenta
(Visited 11 times, 1 visits today)

About The Author