Udas Cerignola: brutta debacle a Porto Sant’Elpidio, i locali domano i cannibali 94-60

Termina con una pesante sconfitta per i cannibali di Coach Marinelli la 26^ giornata della Serie B Old Wild West al cospetto di una Malloni Porto Sant’Elpidio attenta in difesa e, soprattutto, chirurgica dalla distanza. Il quintetto ofantino dura poco più di due quarti all’interno delle mura del Palasport di via Ungheria, dove i locali dal ventesimo minuto in poi dilagano letteralmente trovando flebile resistenza da parte della retroguardia udassina.

Eppure la formazione biancazzurra parte col piglio giusto nei primi dieci minuti: i vari Tessitore, Tredici e Rugolo rispondono alle offensive di Cernivani dalla distanza, rendendo la prima frazione un perfetto connubio tra equilibrio e spettacolo, 22-19 alla sirena per i marchigiani. Nel secondo quarto, la formazione locale, spinge sempre più e trova maggiore continuità nelle azioni offensive quanto in quelle difensive, Navarini e Piccone fanno valere la propria freschezza, i cannibali reagiscono come possono ma lo svantaggio vola già verso la doppia cifra alla pausa lunga nonostante la tripla sulla sirena di Rugolo, che mantiene i cannibali ancorati ad un -13 con altri venti minuti da giocare (48-35).

Al rientro dagli spogliatoi, però, la tanto attesa reazione del quintetto cerignolano non arriva e la formazione di casa prende volentieri il largo con il duo Maggiotto-Zanotti che fanno il bello ed il cattivo tempo, all’interno come all’esterno del pitturato. Tredici cerca di mantenere alto l’orgoglio dei suoi, ma c’è poco da fare: al termine del penultimo periodo è già +26 per gli Elpidiensi che marciano ad alta velocità verso la zona playoff (76-50). L’ultimo quarto lo si può riassumere nei più classici dei garbage-time, con i locali che mandano in campo qualche under in più e, inoltre, non mollano la presa sugli ospiti continuando a tempestare di bombe la retroguardia dell’Udas, che oramai attende la fine della gara in una lenta agonia. Termina 94-60 per i padroni di casa che fanno valere nettamente il fattore campo e la chirurgica precisione dalla distanza, con la truppa di Marinelli incapace di imbastire una reazione veemente.

L’Udas Basket, adesso, dovrà cercare a tutti i costi il filotto vincente contro Ortona e Fabriano per arrivare alla griglia playout in una posizione favorevole, che consentirebbe il vantaggio del campo in gara 2 e, soprattutto, nella eventuale gara 5 della poule per la conquista della salvezza nel campionato cadetto.

Tabellini:
Malloni Bk Porto Sant’Elpidio – Udas Basket Città di Cerignola 94-60
Parziali: 22-19; 48-35; 76-50

Malloni Bk Porto Sant’Elpidio: Andrea Maggiotto 16 (3/5, 3/6), Stefano Cernivani 16 (0/2, 4/5), Fabrizio
Piccone 15 (3/5, 2/4), Francesco Cinalli 14 (1/1, 4/8), Alberto Navarini 11 (2/5, 2/2), Simone Zanotti 10
(5/11, 0/2), Fabio Lovatti 5 (1/1, 1/4), Mirko Romani 5 (1/1, 1/1), Elia Bravi 2 (1/1, 0/2), Nicola Rosettani
0 (0/1, 0/0), Simone Di pietro 0 (0/0, 0/0), Alessio Coccia 0 (0/1, 0/1). All.re Domizioli.

Udas Basket Città di Cerignola: Gianluca Tredici 20 (4/7, 3/5), Giovanni Gambarota 12 (1/1, 3/6), Gennaro
Tessitore 10 (1/2, 2/5), Oleksandr Kushchev 9 (4/6, 0/1), Giovanni Rugolo 7 (2/6, 1/1), Nunzio Sabbatino
2 (0/1, 0/1), Giuseppe Ippedico 0 (0/1, 0/0), Nikola Markus 0 (0/2, 0/0), Danilo Raicevic 0 (0/0, 0/1),
Emanuele Grittani 0 (0/0, 0/0). All.re Marinelli.

Fonte: Ufficio Stampa Udas Basket Città di Cerignola

Commenta
(Visited 37 times, 1 visits today)

About The Author

http://pills24.com.ua

www.rezeptfrei-viagra.com

www.alfaakb.com/category/topla/