Vanoli a Capo d'Orlando contro la rivelazione Betaland

Al ritorno dalla trasferta più lunga della stagione (circa 1300 km), la Vanoli accoglierà nel gruppo il neo acquisto Paul Harris. Prima, però, c’è da affrontare la Betaland Capo d’Orlando, una delle rivelazioni delle ultime settimane (3 vittorie nelle ultime 4), del giocatore rivelazione del torneo, Bruno Fitipaldo, con la voglia e la determinazione di provare a invertire il trend già da subito.

COME STA CREMONA – Settimana “ridotta”, sia a livello di giorni dopo il posticipo contro Brindisi di lunedì sera, sia a livello di uomini per la squadra di Cesare Pancotto. Senza Omar Thomas e Gabe York, e con il nuovo acquisto Paul Harris in arrivo soltanto lunedì, a completare il roster per la partita con la Betaland sono partiti con la squadra per Capo d’Orlando i giovani Dario Boccasavia e Petar Jovanovic.

COME STA CAPO D’ORLANDO – Dopo l’impresa a Montichiari, con la vittoria all’overtime sulla Germani Brescia con soli sette effettivi in campo compreso il 16enne Galipò, l’Orlandina dovrebbe recuperare Drake Diener per il match con la Vanoli. Difficile invece l’impiego di Sandro Nicevic (lesione al tendine d’Achille) e di Zoltan Perl, in recupero dal problema al ginocchio che gli ha fatto saltare le ultime due gare. Intanto si è operato al crociato Janis Berzins, che ne avrà per 5-6 mesi.

CURIOSITA’ – Quattro i precedenti tra l’Orlandina e la Vanoli Cremona, con i siciliani che vinsero il primo incrocio in Serie A e i biancoblu che hanno prevalso nei successivi tre. Un solo precedente tra Pancotto e Di Carlo, con vittoria per il coach di Cremona. Andrea Amato e i play della Betaland Tommaso Laquintana sono stati compagni di squadra nella Nazionale Under 20 nell’estate 2014.

Commenta
(Visited 17 times, 1 visits today)

About The Author

metal igloo cooler

на сайте agroxy.com